attualità cronaca Italia

La truffa del codice WhatsApp corre veloce sui telefoni

La truffa del codice WhatsApp corre veloce sui telefoni. Le truffe che corrono sul filo di WhatsApp non conoscono tregua, ma è difficile che nel corso dei mesi vengano ideati nuovi e inediti raggiri all’interno dell’app.

Più semplice piuttosto è che di quando in quando tornino a colpire vecchie tecniche, già testate e circolate ampiamente sulla piattaforma di messaggistica ma sempre pronte a mietere nuove vittime.

È il caso della truffa del codice WhatsApp che, dopo la sua prima comparsa ormai mesi fa. Secondo le segnalazioni online sta tornando a diffondersi tra gli utenti minacciando di chiuderli fuori dal loro account.

La descrizione del raggiro è la stessa che circola almeno dall’inizio dell’anno e della quale si era occupata anche la Polizia Postale verso la fine del mese di agosto.

Le vittime ricevono un SMS nel quale i truffatori affermano di aver inviato per sbaglio al loro telefono un codice di 6 cifre, sempre via messaggio. La richiesta è di copiare le 6 cifre ricevute e spedirle al mittente.

Le vittime hanno effettivamente ricevuto un SMS con un codice di 6 cifre nei minuti precedenti, ma è stata l’app di WhatsApp.

Si tratta di un codice di autenticazione temporaneo che serve per attivare l’app su un nuovo telefono, e che il servizio manda in automatico non appena qualcuno che ha appena installato l’app tenta di accedervi utilizzando il relativo numero di telefono.

Per i truffatori dunque tentare il raggiro è semplice

Basta installare l’app sul telefono. Accedendo con il numero della persona che vogliono raggirare e poi spedendo a quest’ultima l’SMS truffaldino nel quale le chiedono di copiare loro il codice di sicurezza.

Se la vittima cade nel tranello, i truffatori possono buttarla immediatamente fuori dal suo account WhatsApp. E impersonarla presso gli altri contatti, magari per carpire informazioni personali come password e altri dati sensibili.

Per questo motivo è fondamentale non rispondere a questo genere di messaggi esaudendo la richiesta, a prescindere da come si presenta il mittente.

Fortunatamente WhatsApp ha di recente introdotto nella sua app delle misure di sicurezza per mitigare i danni che derivano da questo tipo di raggiri.

Gli utenti appena buttati fuori da un account ricevono infatti una notifica sul telefono. Attraverso la quale viene chiesto loro se l’uscita è stata intenzionale oppure no. Nel secondo caso, possono toccare un link che fa loro riguadagnare immediatamente l’accesso al proprio profilo. Fonte Fanpage

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: