attualità cronaca Italia politica

Coronavirus, l’allarme di Musumeci: temiamo nuova ondata a gennaio

Coronavirus, l’allarme di Musumeci: temiamo nuova ondata a gennaio, pochi gli anestesisti rianimatori. Speriamo che le ispezioni negli ospedali continuino anche nella prossime settimane e mesi.

Ci vuole trasparenza, noi abbiano fatto tutto il nostro dovere tra mille difficoltà e ritardi come in tutta Italia ma il sistema al momento è sotto controllo”. Lo ha detto questa mattina il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.

Era intervenuto a margine della presentazione dell’inizio dei lavori dell’ex ospedale militare di Palermo, all’interno della caserma “Michele Ferraro”. “I dati mutano con estrema facilità – ha sottolineato.

Bisogna tenere alta la tensione

Gli scienziati sostengono che ci possa essere un ritorno del virus a gennaio dopo il calo di tensione che ci sarà nelle famiglie durante il periodo natalizio. Bisogna tenere alta la tensione ed essere pronti a non fasi cogliere impreparati.

Abbiamo sufficienti posti letto sia per ricoverati covid che in terapia intensiva. È chiaro che il numero dei posti letto non è infinito così come non lo è quello dei medici – precisa -. In tutta Italia mancano oltre 3.000 anestesisti rianimatori e il fenomeno c’è anche in Sicilia”.

Il tema della scuola

Il governatore poi affronta il tema legato alla scuola. “Apertura e chiusura delle scuole dipende dall’andamento epidemiologico. Non abbiamo chiuso le elementari, le materne e le medie ma tutto dipende da come si evolverà la crisi epidemica.

Se il Comitato tecnico scientifico ci suggerirà di chiudere lo faremo ma la scuola è l’ultimo spazio che vorrei chiudere. Sicilia ancora arancione? Il colore non mi appassiona, è importante sapere e capire che tutto il sistema sanitario sia tenuto sotto costante monitoraggio”.

Il grazie a medici, paramedici e volontari

Infine, Musumeci ha voluto ringraziare “medici, paramedici e volontari per quello che fanno. Il mio compito è guidare i siciliani fuori da questo tunnel nel più breve tempo possibile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *