attualità cronaca Italia politica

Covid: 1.737 i casi positivi e 48 i decessi oggi in Puglia

Covid: 1.737 i casi positivi e 48 i decessi oggi in Puglia. Oggi in Puglia sono stati registrati 1.737 casi positivi su 9.505 test per l’infezione da Covid-19. Sono 675 contagi in provincia di Bari, 345 in provincia di Foggia.

Inoltre, 250 in provincia di Taranto, 206 nella provincia Bat, 137 in provincia di Lecce, 110 in provincia di Brindisi, 11 residenti fuori regione, 3 di residenza non nota. Sono stati inoltre registrati 48 decessi.

15 in provincia BAT, 10 in provincia di Foggia, 8 in provincia di Bari, 8 in provincia di Taranto, 3 in provincia di Brindisi, 3 in provincia di Lecce, 1 residente fuori regione.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 762.047 test e 12.919 sono i pazienti guariti. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 50.738 e i casi attualmente positivi sono 36.417.

Droga: impiego donne per spaccio nel Foggiano, 11 arresti

Ci sono anche due donne tra le 11 persone arrestate questa mattina nel Foggiano nell’ambito di una operazione anti-droga tra San Severo, San Paolo Civitate e Torremaggiore. Sette persone sono finite in carcere e 4 ai domiciliari.

Per tutti l’accusa è detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Secondo le indagini dei Carabinieri, illustrate in videoconferenza, le due donne avevano un ruolo fondamentale nell’attività di spaccio.

Spesso accompagnavano i pusher nella consegna della droga o la portavano loro stesse all’acquirente, nel tentativo di sfuggire al controllo delle forze di polizia.

L’attività di spaccio è avvenuta prevalentemente durante il lockdown da Covid-19. Nella distribuzione dello stupefacente, con l’impiego delle due donne, compagne di alcuni degli indagati, si era immaginato di attirare meno l’attenzione degli inquirenti.

Le indagini sono partite dopo il ferimento di un ragazzo avvenuto a San Paolo Civitate il 7 febbraio scorso, alla base del quale per i Carabinieri c’era un debito di droga che questo giovane non aveva saldato con uno spacciatore di San Severo.

Asina rubata da masseria in Salento, appello ai ladri su Fb

E’ caccia in Salento ai due autori del furto di un’asina da una masseria di Frigole, marina di Lecce. L’asinella, che si chiama Grisonda, ha 17 anni ed è munita di microchip, è rapita ieri pomeriggio quando nella masseria non c’era nessuno.

Sono state le telecamere di videosorveglianza a riprendere i malviventi in azione. I suoi padroni hanno sporto denuncia ai carabinieri di Lecce portando il filmato delle telecamere.

Giovanna e il marito Marco hanno anche lanciato un appello ai ladri via facebook, chiedendo loro di riportarla a casa e promettendo una ricompensa a chi li aiuterà a ritrovarla.

L’animale, che in passato ha vinto anche un concorso fotografico indetto da un’azienda salentina, era regalato alla donna dal marito, in servizio al Battaglione San Marco di Brindisi al rientro da una missione in Afghanistan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *