gossip lifestyle mondo

Meghan Markle: perché è il momento giusto per parlare dell’aborto.

Meghan Markle: perché è il momento giusto per parlare dell’aborto. L’ex attrice ha voluto scrivere l’articolo sul NYT per sensibilizzare sul tema: «Se ne parla ancora troppo poco».

I membri stretti della famiglia reale, fa sapere ora un insider, hanno saputo subito dell’aborto e «la famiglia di Harry è stata di supporto per tutto il tempo». Meghan Markle ha rivelato di aver avuto un aborto spontaneo lo scorso luglio.

L’ha scritto in un editorale – dal titolo «Le perdite che condividiamo» – sul New York Times , firmandosi semplicemente «Meghan Markle, attivista e madre», senza «duchessa di Cambridge» o altri riferimenti alla royal family.

E come racconta la royal editor Katie Nicholl su Vanity Fair America la 38enne «ha voluto scrivere il saggio accorato per aiutare le altre persone che hanno attraversato il trauma dell’aborto spontaneo », fa sapere una fonte vicino ai Sussex.

Anche se non è il primo membro della famiglia reale a parlare apertamente di un aborto spontaneo – anche Zara Phillips e Sophie, contessa del Wessex, l’hanno fatto – Meghan è stata la prima reale a descrivere il momento in cui ha saputo che stava perdendo il suo bambino.

“Era una mattina di luglio, si legge, quando «dopo aver cambiato il pannolino di Archie ho sentito un forte crampo. Mi sono lasciata cadere a terra con lui tra le braccia, canticchiando una ninna nanna per tenerci calmi, la melodia allegra in netto contrasto con la sensazione che qualcosa non andasse bene”.

“Sapevo, mentre stringevo il mio primogenito, che stavo perdendo il secondo”. Meghan non ha rivelato a che punto era della gravidanza, ma ha voluto precisare quanto Harry «nonostante il cuore spezzato» le sia stato vicino.

La famiglia reale è stata di Supporto

E come hanno rivelato alcuni insider a Vanity Fair America, anche i membri stretti della famiglia reale hanno saputo subito dell’aborto e «la famiglia di Harry è stata di supporto» per tutto il tempo. Non è noto, però, se Buckingham Palace fosse a conoscenza della pubblicazione dell’editoriale sul New York Times.

Articolo che Meghan ha voluto fortemente per incoraggiare gli altri a parlare di aborto spontaneo, anche mentre stanno ancora elaborando il trauma. «Hanno deciso che volevano parlarne e che questo era il momento giusto per farlo», ha aggiunto la fonte, «Oggi stanno bene». Leggi anche qui

«È molto triste, sono con loro», ha commentato il conte Spencer, fratello di Lady Diana. Lo ha fatto durante un’ospitata nella tv britannica. «Non riesco a immaginare l’agonia di una coppia nel perdere un figlio in questo modo». Vanity Fair

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: