attualità cronaca mondo

Rientra con l’amante, dice a moglie di cucinare: lo uccide a coltellate

Rientra con l’amante, dice a moglie di cucinare: lo uccide a coltellate. Esce e si ubriaca con l’amante, poi torna a casa con lei e chiede alla moglie, la top model Lilia Sudakova, di cucinare per loro.

La donna, 26 anni, lo ha ucciso a coltellate. Suo marito era Sergey Popov, 28 anni. La top model ha spiegato di averlo ucciso per via delle continue molestie subite durante il loro matrimonio.

L’amante portata a casa (una donna conosciuta al bar) è stato soltanto l’ultimo di innumerevoli episodi di abusi e umiliazioni che la modella avrebbe subito; a confermare le parole della Sudakova anche la testimonianza della mamma.

“Mia figlia era impaurita, anche dopo avere colpito il fidanzato. Sergej era un genio del computer, ma aveva una terribile dipendenza dall’alcol che lo rendeva pericoloso. Questo è un caso di legittima difesa.

Il fatto che Sergej abbia picchiato mia figlia prima di essere colpito non infastidisce nessuno”. Così ha detto agli inquirenti la madre di Lilia Sudakova. Seguici su FB

Lilia, molto conosciuta nel mondo della moda, ha chiamato l’ambulanza subito dopo aver aggredito il marito e ha spiegato di aver agito per legittima difesa. Lilia Sudakova, molto famosa nel settore della moda.

E’ comparsa diverse volte in copertina sulle varie edizioni di Vogue. Una volta tornato a casa, il marito le avrebbe chiesto di cucinare anche per l’amante e, quando la modella si è rifiutata, lui l’avrebbe afferrata per i capelli, così lei si è difesa.

Popov è morto dopo il ricovero in ospedale a causa di lesioni profonde al cuore. La donna è stata condannata a 15 anni di carcere. Leggi anche qui

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: