attualità cronaca Italia lifestyle

Torino, nel presepe in Duomo i personaggi hanno la mascherina

Torino, nel presepe in Duomo i personaggi hanno la mascherina. I personaggi della Natività ‘si adeguano’ alle restrizioni e indossano i dispositivi di protezione individuale, a iniziare da Maria e Giuseppe.

Natale sì, ma pur sempre in epoca di coronavirus. Per questo motivo gli autori del presepe; che fa mostra di sé all’interno del Duomo di Torino; hanno pensato di dare un tocco d’attualità alla classica rappresentazione della Natività del Signore facendo indossare la mascherina a tutti i personaggi.

A ‘dare l’esempio’, quindi, ci sono la Madonna e San Giuseppe, ma anche i Magi e i pastorelli indossano l’importante dispositivo di protezione individuale in attesa dell’arrivo del Bambino Gesù.

Torino: Damilano, mi candido sindaco con progetto civico

Ho deciso di mettermi al servizio della nostra Torino e di candidarmi a sindaco con un progetto civico e con una squadra che cresce di giorno in giorno e aperta a chi crede nel futuro e nel cambiamento.

Una sfida da cittadino per la sua città, per restituire a Torino, la nostra Torino, quanto ho ricevuto in questi anni”. L’imprenditore Paolo Damilano scioglie le riserve e annuncia così la sua candidatura a sindaco di Torino.

Da mesi il suo nome era indicato tra quelli più accreditati alla candidatura in area centrodestra. “Stiamo vivendo un momento drammatico e il 2020 sarà ricordato al pari degli anni delle peggiori guerre della nostra storia.

Una situazione aggravata dalla gestione sciagurata del lockdown da parte del governo”, sottolinea Damilano, ceo dell’azienda di famiglia che produce Barolo da tre generazioni a cui negli ultimi anni ha affiancato il business dell’acqua minerale con il marchio Valmora e la gestione di alcuni locali del centro di Torino.

“Le prossime generazioni ci giudicheranno su come abbiamo gestito questa emergenza sanitaria e probabilmente il loro giudizio sarà negativo – aggiunge Damilano, che è anche presidente della Film Commission Piemonte -. Leggi anche qui

Non possiamo permettere che lo stesso accada per come avremo sostenuto il rilancio dell’economia del territorio e per come saremo intervenuti per restituire alla nostra città il posto che merita nel panorama nazionale e internazionale.

Serve una svolta, serve un cambio di rotta, capace di superare la contrapposizione tra centro e periferia; di ricostruire la fiducia e in grado di offrire opportunità progetti e strategie per riportare al primo posto il lavoro. Motore fondamentale di rilancio”. Seguici su fb

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: