attualità cronaca Italia

Infermiera picchiata al Cardarelli, in 4 tentano di cavarle un’occhio

Infermiera picchiata al Cardarelli, in 4 tentano di cavarle un’occhio. Una infermiera di 55 anni è ferocemente aggredita nella notte appena trascorsa nel Pronto Soccorso dell’ospedale Cardarelli, nella zona collinare di Napoli.

Stando a quanto ricostruito è picchiata da quattro persone. Familiari di una ragazza ricoverata, che l’hanno presa a calci e pugni e hanno tentato di cavarle un occhio.

La donna è stata salvata dall’intervento dei colleghi, successivamente sul posto sono arrivati i carabinieri che hanno identificato due dei responsabili. Per loro si prospetta la denuncia per percosse e lesioni.

L’aggressione è avvenuta intorno alle 2

Il motivo sarebbe nel tempo di attesa per le cure di una ragazza, che era stata portata al Pronto Soccorso perché lamentava dei dolori al petto.

L’infermiera è aggredita dai genitori della ventenne e da altre due persone che erano con loro; si tratterebbe di altri familiari, ma su questo aspetto sono ancora in corso indagini.

L’hanno presa a calci e pugni, non si sono fermati nemmeno quando la 55enne è caduta a terra, colpendola ripetutamente anche al volto. E, come raccontato dai colleghi che sono intervenuti in sua difesa, hanno anche tentato di ferirla a un occhio.

Subito dopo l’aggressione i responsabili si sono dileguati, i carabinieri sono arrivati pochi minuti dopo. La vittima ha raccontato che qualche ora prima dell’aggressione c’era stata già una accesa discussione con i parenti della ragazza.

Che si erano lamentati ritenendo che i sanitari non stessero facendo abbastanza e che i tempi di attesa fossero troppo lunghi. Refertata nello stesso Pronto Soccorso. L’infermiera è giudicata guaribile nel giro di dieci giorni.

“Attacchi ripetuti, continui, irrefrenabili, feroci e soprattutto premeditati, commenta l’associazione Nessuno Tocchi Ippocrate, tutto questo pare sia successo per non aver voluto attendere la registrazione della paziente al triage. E le procedure dettate dai protocolli Covid.”

“Una violenza perpetuata per circa 15 minuti al solo scopo di vendicarsi per una semplice attesa in una paziente stabile unicamente agitata”. Fonte Fanpage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *