attualità cronaca Italia

Lopalco: “Terza ondata inevitabile, rinunciamo a eventi sociali a Natale”

Lopalco: “Terza ondata inevitabile, rinunciamo a eventi sociali a Natale”. Secondo l’epidemiologo dell’Università di Pisa e neo assessore alla Salute della Puglia Pier Luigi Lopalco una terza ondata di contagi da coronavirus sarà inevitabile. La circolazione virale non si è infatti fermata.

Lopalco sulla terza ondata

Intervistato dal Messaggero, l’esperto ha quindi consigliato ai cittadini di rinunciare a eventi sociali e incontri in occasione del Natale o comunque di ridurli al minimo. “Recupereremo in estate, quando la situazione sarà migliorata“.

Ha affermato. Lopalco prevede che alla fine dell’anno la situazione epidemiologica farà sì i conti con un calo ma pur sempre nell’ambito di una circolazione intensa del virus.

Si tratta del risultato delle misure e delle restrizioni messe in campo con gli ultimi dpcm che hanno comportato una serie di limitazioni.

Per rallentare la corsa dell’infezione è però secondo lui necessario fare qualche sacrificio in più fino a gennaio in modo da avere il tempo necessario ad avviare la vaccinazione.

Di qui il suo invito a limitare i contatti sociali, l’unico modo per scongiurare una ripresa dei contagi “anche se purtroppo la gente ancora non l’ha capito“.

Quanto specificamente al vaccino, Lopalco ha chiarito che nel momento in cui sarà commercializzato si tratterà di uno strumento sicuro ed efficace.

Se l’Agenzia Europea del Farmaco (Ema) approverà quello sviluppato dalla Pfizer, le prime dosi potrebbero essere somministrate ai cittadini italiani a partire da gennaio 2021.

Coronavirus, la previsione di Crisanti: “Terza ondata è una certezza”

Andrea Crisanti non ha dubbi sul fatto che una terza ondata di coronavirus colpirà l’Italia. Nonostante la curva epidemiologica sia in discesa.

Il professore di microbiologia di Padova predica come sempre prudenza. Per il vaccino bisognerà aspettare mesi, e Crisanti puntualizza: “Natale occasione per ridurre i contagi”.

Crisanti: “terza ondata inevitabile”

Intervenuto al programma di La7 L’Aria che tira, Andrea Crisanti prevede l’arrivo della terza ondata ad inizio 2021: “La terza ondata di Covid-19 in queste condizioni è una certezza. Siamo in una situazione grave stabile, ci attende un inverno preoccupante”.

Si abbassa il numero dei positivi, ma come sempre il professore ordinario di microbiologia di Padova puntualizza. ”Il calo dei positivi di ieri è legato al numero dei tamponi eseguiti. Se avessimo fatto il consueto numero di tamponi, ieri avremmo avuto 28mila nuovi casi“.

Natale prudente

Nonostante la curva epidemiologica sia in discesa costante, Crisanti si appella al buon senso e dichiara a gran voce di non abbassare la guardia proprio adesso.

Il vaccino, infatti, rimane ancora una soluzione lontana nel tempo, alcuni numeri dovrebbero far riflettere: “Prima che il vaccino abbia effetto passeranno mesi.” Leggi anche qui

“Ci attende un inverno preoccupante. L’Italia alla fine della prossima settimana sarà il paese con più morti in Europa, non è qualcosa di cui essere orgogliosi”.

Infine, l’epidemiologo ritorna sull’esplosione dei contagi dopo l’estate e si augura che il Natale a ranghi serrati sia sfruttato a pieno per ripartire con fiducia l’anno venturo.

“Dopo l’estate avevamo in mano una situazione gestibile e ce la siamo lasciati sfuggire. Il Natale con scuole chiuse e fabbriche a ritmo ridotto, va sfruttato per ridurre i contagi”. Fonte Notizie

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: