attualità cronaca Italia

Da estetisti e parrucchieri si può spendere cashback, rimborso 150 euro

Da estetisti e parrucchieri si può spendere cashback, rimborso 150 euro. È ufficialmente partita l’iniziativa cashback di Natale, che consentirà di ottenere un rimborso sugli acquisti fatti nel mese di dicembre in diverse tipologie di esercizi commerciali, ma a determinate condizioni.

Tra le prestazioni valide per l’ottenimento del rimborso fino a 150 euro ci sono anche quelle di estetisti e parrucchieri. Il primo passo per accedere al rimborso è scaricare sul proprio smartphone l’applicazione IO e poi registrare la carta di credito, di debito o prepagata che si intende utilizzare per pagare le spese.

In questi giorni diversi utenti hanno riscontrato difficoltà in questo passaggio, ma adesso i problemi sono in fase di risoluzione. Ecco dunque come procedere per ottenere il rimborso.

Come usare il cashback di Natale da estetisti e parrucchieri

Il meccanismo sperimentale del cashback di Natale andrà avanti fino al 31 dicembre e consentirà di ottenere dei rimborsi non solo per gli acquisti effettuati in negozi, ristoranti, supermercati e bar, ma anche per le prestazioni di diversi professionisti tra cui anche parrucchieri ed estetisti.

Queste categorie di lavoratori si trovano a fronteggiare un momento molto delicato, in particolare i secondi, che a differenza dei primi hanno dovuto abbassare la serranda nelle zone rosse per diverse settimane.

Adesso si sta cercando di tornare alla normalità e il periodo natalizio potrebbe essere cruciale per risollevarsi dalla crisi. Anzi, l’iniziativa del rimborso potrebbe essere un incentivo a recarsi in centri estetici e saloni di bellezza.

A fronte di un trattamento qualsiasi e di qualunque importo, sarà corrisposto un rimborso pari al 10%. Tutto quello che bisognerà fare sarà accertarsi che l’esercente sia in possesso di un dispositivo di accettazione di carte e app di pagamento, visto che requisito essenziale è l’utilizzo di modalità tracciabili.

Cashback di Natale: come pagare

Valgono per il raggiungimento della soglia minima utile per il rimborso solo gli acquisti tracciabili effettuati pagando con carte di credito, di debito, prepagate (emesse dalla banca o da Poste Italiane) e app.

Non valgono gli acquisti online, ma solo quelli effettuati nel punto vendita. Non c’è un importo minimo di spesa: valgono anche piccole cifre. L’unico vincolo, però, è che il rimborso massimo su singola transazione è sempre 15 euro, anche su un mega acquisto superiore ai 150 euro.

Per ottenere il rimborso è necessario effettuare un minimo di 10 pagamenti entro il 31 dicembre. Poi l’iniziativa Cashback di Natale proseguirà ma con criteri leggermente diversi, da quelli di questa fase sperimentale.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: