attualità cronaca Italia politica

Processo trattativa, Cassazione conferma assoluzione Mannino

Confermata dalla Cassazione l’assoluzione dell’ex ministro Calogero Mannino, nello stralcio del processo sulla trattativa tra Stato e mafia. I giudici della sesta sezione penale di Piazza Cavour hanno dichiarato inammissibile il ricorso della Procura generale di Palermo.

La Procura aveva presentato ricorso contro la sentenza pronunciata il 22 luglio del 2019 della Corte d’Appello che aveva scagionato l’ex esponente democristiano dall’accusa di violenza o minaccia a corpo politico dello Stato. Mannino era già assolto in primo grado nel novembre del 2015.

Nelle motivazioni della sentenza di assoluzione i giudici di secondo grado scrivevano che “non è affatto dimostrato che Mannino” fosse “finito anch’egli nel mirino della mafia a causa di sue presunte ed indimostrate promesse non mantenute.

Addirittura, quella del buon esito del primo Maxiprocesso; ma, anzi, al contrario, è piuttosto emerso dalla sua sentenza assolutoria che costui fosse una vittima designata della mafia.

Proprio a causa della sua specifica azione di contrasto a Cosa nostra quale esponente del governo del 1991, in cui era rientrato dal mese di febbraio di quello stesso anno”.

I giudici di secondo grado sottolineavano inoltre come “la tesi della procura” fosse “non solo infondata; ma anche totalmente illogica ed incongruente con la ricostruzione complessiva dei fatti”.

Il ministro, difeso dall’avvocato Grazia Volo, era accusato di minaccia a Corpo politico dello Stato. La Suprema Corte ha accolto la richiesta del pg formulata con requisitoria scritta nei giorni scorsi di dichiarare inammissibile il ricorso della Procura generale di Palermo.

È ancora in corso invece il processo d’appello per gli imputati che hanno scelto di essere giudicati con il rito ordinario. In primo grado gli imputati – tra cui Marcello Dell’Utri e l’ex generale del Ros Mario Mori – erano condannati.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: