attualità cronaca Italia

Medico accoltellato a Milano: ora spunta ipotesi di suicidio

Medico accoltellato a Milano: ora spunta ipotesi di suicidio. S’infittisce di dettagli macabri e sospetti la morte del medico 65enne Stefano Ansaldi, accoltellato in zona stazione Centrale, a Milano, lo scorso sabato 19 dicembre.

Tra le varie ipotesi formulate dagli investigatori, ora spunta anche quella del suicidio. “Non lo possiamo escludere”, dicono i carabinieri alle prese con un rebus di intricatissima soluzione.

Il ritrovamento del corpo

Gli unici elementi certi del caso, al momento, riguardano la scena del crimine. Il ginecologo è stato ritrovato senza vita tra le 18.01 e le 18.04 di sabato, in via Mauro Macchi, all’angolo con via Scarlatti.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, Stefano Ansaldi, ginecologo campano, avrebbe raggiunto la stazione ferroviaria verso le ore 15. Tre ore più tardi, alcuni passanti riferiscono di averlo visto riverso sull’asfalto, con le mani premute sul collo per tamponare la ferita letale, inferta presumibilmente con un coltellaccio da cucina.

La lama è rinvenuta vicino al corpo, insieme ad una 24 ore che, al suo interno, conteneva soltanto il documento d’identità e una confezione di biscotti. Poco distante, vi era poi il Rolex che, pare, fosse stato aperto, tolto dal polso, richiuso e posizionato a terra.

Altro dettaglio degno di nota riguarda lo smartphone: era spento un’ora prima della morte.

Nessuna impronta sul coltello: un suicidio?

Sull’arma del delitto, o presunta tale, non sarebbero state evidenziate tracce del Dna né degli ipotetici aggressori (si presume due nordafricani) né della stessa vittima. Certo è che Ansaldi indossasse dei guanti in lattice quando è stato ritrovato dai carabinieri.

Ed è per questa ragione, unitamente ad altri elementi, che gli investigatori valutano anche l’ipotesi di un’ azione eterolesiva. “Non possiamo escludere il suicidio” confermano al Corriere della Sera.

“Nessun killer in fuga”

I nastri delle telecamere cittadina non mostrerebbero alcun aggressore in fuga da via Scarlatti. Inoltre, i due testimoni che lo hanno visto accasciarsi sull’asfalto dopo la coltellata riferiscono di non aver sentito alcun rumore di passi.

“Non si può sparire – spiega una fonte vicina ad Adnkronos-, ma le telecamere analizzate fino a questo momento non inquadrano nessuno che si allontana. Ora siamo a lavoro per capire se è possibile trovare rifugio in qualche palazzo coperto dai ponteggi”.

L’assegno in bianco

Nel tentativo di ricostruire la dinamica del delitto, si procede per esclusione accantonando cioè le ipotesi non inerenti alla professione del medico. Alcuni spunti investigativi nascono da incongruenze sospette.

Evidenze all’apparenza poco calzanti con le circostanze della morte, ma che invece potrebbero rivelarsi chiarificatrici. Come quell’assegno in bianco intestato a una società off shore maltese del quale il ginecologo aveva denunciato nel 2019 lo smarrimento.

C’era la sua firma, sull’ assegno, ma non l’ importo, che sarebbe stato messo per iscritto dal contatto sull’ isola.

Il laboratorio di analisi

Dalle indagini è emerso che Ansaldi fosse intestatario di un laboratorio di analisi in Fratelli Grimm, rione Incis, alla periferia di Napoli Est. Si tratterebbe di un’attività in convenzione con la sanità pubblica campana e che di fatto accumulava perdite senza riscuotere pagamenti.

Uno stillicidio finanziario interrotto nel 2012, quando la banca Unicredit chiese un decreto ingiuntivo per circa 57 mila euro. “E quando il provvedimento divenne esecutivo, – scrive il Corriere della Sera -l’ ufficiale giudiziario che avrebbe dovuto notificarlo ‘non ha rinvenuto la società, né il legale rappresentante all’ indirizzo indicato”.

Il fallimento è dichiarato dai giudici nel 2015. Il concordato s’è chiuso invece lo scorso anno. Ed è probabile che sempre a quell’ attività sia legata l’altra “pendenza” che il dottor Ansaldi s’era ritrovato nella sua carriera, un’ ipoteca legale iscritta da Equitalia nel 2014 per altri 77 mila euro.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: