attualità cronaca Italia

Donna aggredita nella notte, trovata con ferite alla testa

Donna aggredita nella notte, trovata con ferite alla testa. Una donna di 32 anni è stata soccorsa questa notte a Corsico, nel Milanese. È stata trovata riversa a terra con ferite e contusioni alla testa, al collo e agli arti.

La donna, stando alle prime informazioni emerse sarebbe vittima di un’aggressione, è individuata da un passante attorno alle 3 di notte di oggi, domenica 27 dicembre. In via Milano a Corsico, nell’hinterland a sud del capoluogo lombardo.

Secondo quanto riportato da Areu (Azienda regionale emergenza e urgenza) la 32enne è trasportata in ambulanza in codice giallo al pronto soccorso dell’ospedale San Carlo di Milano. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che indagano per ricostruire l’accaduto. Resta da chiarire la dinamica dell’aggressione e i responsabili.

Un’altra aggressione la vigilia di Natale a Milano: la vittima colpita con una bottiglia

Un’altra donna era aggredita nella giornata della vigilia di Natale a Milano, nei pressi del centro commerciale Bonola, da un uomo di 28 anni che l’ha colpita alla testa con una bottiglia per rapinarla.

La vittima, di 30 anni, è soccorsa in codice giallo con ferite lacero contuse alla testa. I carabinieri intervenuti sul posto in breve hanno rintracciato e fermato l’autore della rapina.

Anziana morta in casa la Vigilia di Natale aveva chiesto aiuto

Rosina Cassetti, la donna di 78 anni uccisa in casa il giorno della Vigilia di Natale, si era rivolta a un centro antiviolenza e ci sarebbe dovuta tornare martedì prossimo per parlare con alcuni avvocati.

Intanto, per la sua morte, sono indagati il marito, la figlia e il nipote. Proprio i familiari avevano lanciato l’allarme, raccontando che un ladro si fosse introdotto nella casa di Montecassiano, dove vivevano insieme, aggredendoli.

Un racconto che però non avrebbe trovato molti riscontri

Gli agenti non avrebbero riscontrato né segni di effrazione, né indici di un’aggressione violenta sul corpo della vittima. Bisognerà comunque aspettare i risultati dell’autopsia.

Emergono altri particolari, tuttavia, sulla situazione in cui viveva Rosina Cassetti

Si era rivolta al centro Sos Donna di Macerata, dove sarebbe tornata tra qualche giorno per parlare con i legali. Ora per la sua morte sono indagati il marito, Enrico Orazi (81 anni), la figlia Arianna (48 anni) e il figlio di quest’ultima, e nipote della vittima, Enea (21 anni).

Vivevano tutti insieme nella villetta a schiera di Montecassiano. È la figlia a lanciare l’allarme la sera del 24 dicembre. Ai militari ha raccontato che un ladro si sarebbe introdotto in casa, picchiando lei e la madre e chiudendo il padre nel bagno.

Lei sarebbe legata e ammutolita e si sarebbe potuta liberare solo al ritorno in casa del figlio, che era uscito nel pomeriggio. Una volta libera, si sarebbe accorta della morte della madre. Forse un infarto per lo spavento, ha raccontato ancora ai militari.

Nel frattempo però iniziano a emergere una serie di particolari. Le amiche della vittima hanno raccontato agli inquirenti una difficile situazione in casa. Che sarebbe iniziata da quando la figlia di Rosina si è trasferita dai genitori.

La vittima era costretta a vivere da sola in un piano della casa e si sarebbe lamentata di non avere accesso né all’acqua calda o al riscaldamento. Di non poter usare l’auto o ricevere telefonate.

“Noi ci sentivamo inermi di fronte a questi racconti, ma avevamo capito che il quadro familiare era ormai compromesso”, avrebbe detto un’amica. Fonte Fanpage

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: