attualità cronaca Italia politica

Obbligo Green pass, portuali Trieste: “Sciopereremo”

Obbligo Green pass, portuali Trieste: “Sciopereremo nonostante il divieto | Ma pronti a discutere con rinvio al 30/10”. Il direttivo dei lavoratori: “Determinati sulle nostre posizioni, ma siamo disponibili a confrontarci con chiunque”

“Siamo in dittatura, faremo comunque lo sciopero e vedremo chi vincerà”. Lo ha dichiarato il portavoce del Coordinamento dei lavoratori portuali di Trieste, Stefano Puzzer.

Il blocco dell’attività, previsto dal 15 al 20 ottobre, verrà attuato nonostante l’iniziativa sia stata dichiarata illegittima. Arriva però uno spiraglio dal direttivo: “Pronti a discutere in caso di slittamento del pass”.

“Disponibili a discutere” – I portuali hanno detto che sciopereranno “fino a quando non verrà tolto l’obbligo del Green pass per accedere al lavoro”. Ma il componente del direttivo del Coordinamento lavoratori portuali di Trieste Alessandro Volk ha chiarito:

“Siamo determinati sulle nostre posizioni, ma siamo sempre disponibili a discutere con chiunque”. Se il governo dovesse posticipare l’obbligo del Green pass, Volk ha anticipato che “in quel caso prenderemmo nota e ci adegueremmo, non avrebbe senso venerdì bloccare il porto.

Se ad esempio il governo proponesse una proroga al 30 ottobre sarebbe una mossa intelligente per prendere un po’ di tempo e trovare poi una soluzione”.

Sciopero!!!!

Il Coordinamento: “Il nostro sciopero è legittimo” – Alla circolare del governo che definisce illegittimo lo sciopero il Coordinamento dei lavoratori portuali di Trieste replica.

Si tratta in realtà di una protesta che non rientrerebbe tra quelle dichiarate illegittime dalla Commissione di garanzia sullo sciopero e Volk spiega: “L’eventuale violazione della legge per l’osservazione dei servizi pubblici essenziali riguarda alcuni settori ma non quello dei portuali e non tutti dell’industria”.

In una nota dei portuali si legge, in merito alla circolare dell’esecutivo: “Crediamo che qui il governo lanci un chiaro messaggio ‘siamo in dittatura’ e si fa come vogliamo noi.

Bene, il Coordinamento lavoratori portuali di Trieste risponde che crediamo nella Costituzione Italiana e quindi siamo convinti di essere in democrazia. Democrazia contro dittatura? La democrazia vincerà”. tgcom

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: